Tunnel mobili permessi – Cosa occorre per realizzare una copertura in PVC

Tunnel Mobili Civert » Tunnel mobili permessi – Cosa occorre per realizzare una copertura in PVC
Tunnel mobili permessi – Cosa occorre per realizzare una copertura in PVC

Permessi per tunnel mobili – Con o senza concessione edilizia?

permessi tunnel mobili

Quando hai bisogno di aumentare lo spazio aziendale coperto, i tunnel mobili sono la soluzione sulla carta migliore. Questo non solo per il prezzo vantaggioso e la velocità di costruzione, ma anche per i permessi che occorrono.

La normativa sulle coperture in PVC è più semplice rispetto a quella richiesta per realizzare un capannone industriale in muratura. A volte le autorizzazioni non sono richieste o si ottengono facilmente.

Nella maggioranza delle installazioni, comunque, puoi costruire tunnel mobili senza concessione edilizia, sveltendo ancora di più i tempi di attesa e senza sostenere grosse incombenze burocratiche.

Solitamente, infatti, basta presentare a corredo del progetto una richiesta di S.C.I.A. all’Ufficio Tecnico Comunale, o in alcuni casi accompagnata dalla D.I.A., come vedremo nel dettaglio.

Fin da subito, ricordiamo che è sempre bene rivolgersi comunque all’ufficio di competenza del tuo comune per conoscere nel dettaglio la normativa in vigore sul tuo territorio.

Vediamo nel dettaglio la questione permessi rispondendo alle domande più ricorrenti.

Quali permessi occorrono per un tunnel mobile senza concessione edilizia?

Per dare inizio ai lavori e installare una copertura in PVC bastano pochi accorgimenti burocratici. Prima di tutto occorre fornire al comune di residenza una segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) scritta da te.

Se per l’ufficio comunale del tuo territorio non bastasse, la segnalazione va correlata con una denuncia di inizio dell’attività edilizia (D.I.A.), concessa invece dal comune e che sostituisce il permesso di costruire.

Come accennato, nella documentazione per il capannone dovrai includere anche le relazioni tecniche della struttura da realizzare, con dentro la descrizione del lavoro e il metodo per eseguirlo a norma di legge e in sicurezza. Questo servirà all’autorità per fare le verifiche di prassi.

La SCIA per i tunnel mobili

La S.C.I.A. è una dichiarazione con effetti immediati (art. 19 della legge 241/90) che permette alle imprese di iniziare, modificare o cessare un’attività senza dover attendere i controlli da parte degli enti.

La S.C.I.A. quindi non è che una semplice comunicazione scritta dall’imprenditore in cui egli attesta l’intenzione di voler avviare dei nuovi lavori. Il vantaggio principale è quello di poter far partire subito la costruzione del capannone mobile.

Se per qualche motivo la documentazione presentata fosse insufficiente o irregolare, l’amministrazione invierà entro 60 giorni dalla presentazione della S.C.I.A. una richiesta di ulteriori documenti o precisazioni in merito ai lavori, senza necessariamente bloccarli.

Quando la S.C.I.A. non basta: la D.I.A.

In alcuni casi la S.C.I.A. non è l’unico permesso richiesto per un tunnel mobile e va corredata con una D.I.A., la denuncia di inizio attività edilizia.

La D.I.A. è un documento rilasciato dall’ufficio tecnico comunale per accendere il semaforo verde sui lavori. La richiesta va presentata allo sportello unico per l’edilizia e le tempistiche comportano un’attesa di circa 30 giorni.

Il permesso comunale si rende necessario quando si manifestino dei vincoli paesaggistici o se le dimensioni e la forma delle aree coperte aziendali mutino in maniera significativa.

Non servono altre autorizzazioni: una volta presentate queste carte all’Ufficio Tecnico del comune si potrà dare subito il via alla realizzazione.

Relazione tecnica tunnel mobili: cos’è e perché è importante

A corredo di questi permessi per coperture mobili, il tecnico dovrà fornire necessariamente una relazione tecnica del progetto. Questo documento descrive il tipo di lavoro che l’azienda andrà a svolgere, inclusi gli accorgimenti per la messa in sicurezza. Il perito, ponendo la sua firma sulla relazione, si assume le responsabilità dell’opera e ne risponde davanti alla legge.

I capannoni mobili senza concessione edilizia sono legali?

Poter costruire una copertura industriale senza attenersi alla normale procedura edilizia dei prefabbricati fa sorgere il dubbio. È legale realizzare tunnel mobile senza concessione edilizia?

Il fatto che i tunnel retrattili non richiedano concessioni non significa “senza permessi”. Abbiamo visto che una documentazione di base va comunque sempre fornita (o ottenuta, come nel caso della D.I.A.).

tunnel mobili senza concessione edilizia

Questa procedura però permette di snellire le pratiche edilizie di minor peso urbanistico, come realizzare una copertura mobile o una tettoia. Senza più concessioni edilizie richieste, le aziende possono allestire un tunnel mobile in minor tempo e senza noie burocratiche.

Come già detto in più punti, attenersi alle indicazioni dell’ufficio tecnico comunale aiuta a non commettere errori.

Come realizzo un tunnel in PVC senza concessione edilizia?

normativa tunnel mobili

Abbiamo visto con quale titolo edilizio puoi realizzare un capannone mobile. In genere, non serve che sbrigare poche faccende burocratiche.

Questo però non significa poter procedere in modo avventato: proprio per la burocrazia semplificata, le autorità verificano attentamente le relazioni e i progetti per evitare irregolarità edilizie.

Contatta i nostri tecnici per avere maggiori informazioni, richiedere una consulenza o un supporto per ottenere i permessi per i tunnel mobili.

Referente*

Azienda*

Città*

Provincia*

Email*

Telefono*

Scegli tra le soluzioni disponibili

 
Larghezza

Lunghezza

Altezza

Parete anteriore

Parete posteriore

Note

Accetto la normativa sulla privacy Civert per il trattamento dei dati inseriti all'interno del modulo di contatto.



Questo sito utilizza cookie analitici, di sessione e di terze parti per fornirti la migliore esperienza possibile. Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy Settings OK

Cookie di terze parti